Produttori, Vino Pregiato

Brunello di Montalcino Prezzo:
il più Caro, il + Raro, il + Buono, il Miglior Qualità/Prezzo…

Brunello di Montalcino: prezzo in ascesa già da qualche anno, ma la corsa al rialzo deve ancora far vedere il meglio.

A chi sembrano alte le attuali quotazioni del vino bruno prodotto a Montalcino, forse non ha bene idea in che anno siamo e cosa succederà nella prossima Primavera quando saranno resi noti i prezzi a cui verranno vendute le Bottiglie di Brunello Montalcinese dell’annata nuova appena arrivata tra quelle possibili di essere commercializzate.

Tanto per ribadire cose che sanno (quasi) tutti riguardo a questo grande vino fatto con il Sangiovese grosso, devi considerare che oggi nel 2019 è disponibile per la vendita il Brunello di Montalcino della vendemmia 2014:

questo dover aspettare cinque anni per la commercializzazione è detto in modo chiaro nel disciplinare di questo potente rosso Montalcinese.

Personalmente credo che proprio il suo invecchiare obbligato sia una causa primaria del grande successo avuto dal Brunello di Montalcino in Italia e nel mondo:

successo tale da sostituire nell’immaginario mondo del Luxury Wine di molte persone il vino francese che occupava da sempre tale posizione.

Un momento che faccio due calcoli molto complicati:

se nel 2019 è possibile vendere il vino proveniente dall’uva raccolta nel 2014, il prossimo anno cioè nel 2020 sarà possibile vendere la vendemmia 2015.

Brunello di Montalcino Prezzo etichette storiche

Il Brunello mi è molto caro, ma pasteggiare con esso di frequente per chi non ha fonti di approvvigionamento a prezzi ragionevoli diventa costoso, visti i prezzi di alcune bottiglie di Brunello Di Montalcino che chiedono cifre non proprio popolari:

così deve essere, la percezione di un vino da collezione investimento passa anche attraverso il suo prezzo, difficile che diventi tra i migliori al mondo un vino che costa un paio di euro a bottiglia!

Vero che il vino da collezione, da investimento deve giustamente avere una quotazione superiore e quindi il prezzo Brunello di Montalcino sarà più alto, ma…

Ma a me consumatore che sono pronto e pago questo sovrapprezzo devi darmi prodotti di altissima qualità, ancora meglio se ha qualcosa di unico che lo fa riconoscere al volo.

Caso vuole che l’enoteca di Osenna Wine è molto fornita di ogni tipo di brunello con ricarichi sul prezzo dei grandi vini onesti, quindi abbordabili da tutti(o quasi).

Una delle etichette con prezzi top è come facile indovinare Biondi Santi Tenuta il Greppo di cui preferire sempre la Riserva, ma già il vino Bruno “normale” non scherza affatto sui prezzi delle bottiglie.

La famiglia Biondi Santi ha in pratica inventato questo vino di lusso oggi conosciuto e apprezzato su tutti i mercati mondiali:

le prime bottiglie ancora presenti nella cantina del Greppo sono del 1888, oltre 130 anni d’invecchiamento sono davvero un tempo molto lungo…

Aperte e ricolmate ogni tot anni alla presenza di un notaio che certifica il tutto:

infatti per ricolmare non vi è altra alternativa che aprire una bottiglia dello stesso anno(1888) e usare il vino ivi contenuto per ricolmare le altre.

 

1888 Brunello di Montalcino prezzo…

Quanto vale una di queste bottiglie con invecchiamento a oggi di 131(centotrentuno) anni?

Inestimabile, non ha un prezzo!

Tanto per cominciare non è in vendita, ma per ipotesi una bottiglia lo fosse, l’asta tenuta per la vendita potrebbe portare la sua valutazione a prezzi più che stellari.

Le uniche bottiglie esistenti le ha Biondi Santi, ma ne ha poche, forse 3 più quella usata per ricolmare:

erano 4 ma una fu regalata da Franco Biondi Santi all’allora presidente della Repubblica Sandro Pertini.

Non posso dire il nome, ma conosco personalmente uno dei primi assaggiatori per la DOCG nominati direttamente dal Ministero dell’Agricoltura.

Lui è uno dei pochi al mondo ad aver assaggiato il Brunello 1888 prodotto da Biondi Santi Tenuta il Greppo.

Mi raccontava di come durante una ricolmatura con Notaio e stampa presente all’evento(credo per il centenario), fu fatto assaggiare a poche selezionate persone un cucchiaio non pieno di vino, in pratica ciò che contiene un cucchiaino da caffè.

Seppur con quantità minuscola si percepiva bene che il vino era ancora buono e con profumi straordinariamente intensi considerando il tempo d’invecchiamento di 100 anni…

Nello shop di CantinaOsenna.com sono disponibili varie bottiglie di Biondi Santi Brunello Riserva, partendo con la mitica annata 2004:

Biondi Santi Riserva 2004 Brunello di Montalcino prezzo 1530 euro

Biondi Santi Brunello Di Montalcino Riserva 2004 Brunello di Montalcino Biondi Santi Riserva 2004

Vediamo l’annata 2006 e il relativo prezzo del Brunello, of course Riserva: 1020 euro

Biondi Santi Brunello Di Montalcino Riserva 2006 Biondi Santi Brunello Di Montalcino Riserva 2006

La carrellata continua con la riserva 2007 vedendo il Biondi Santi Brunello prezzo 920 euro.

Biondi Santi Brunello Di Montalcino Riserva 2007 Biondi Santi Brunello Di Montalcino Riserva 2007

Chiudo con l’ottima annata 2010 di Riserva Biondi Santi Brunello con prezzo di solo 580 euro

Biondi Santi Brunello Di Montalcino Riserva 2010 Biondi Santi Brunello Di Montalcino Riserva 2010

 

Brunello di Montalcino prezzo annate recenti

Vi è un’etichetta un produttore che ha sempre avuto prezzi alti e acquirenti fuori dalla porta a pregarlo di mandargli qualche bottiglia non importa il prezzo.

Avere pur poche bottiglie dal proprietario non era facile, molto dipendeva dall’umore in cui era quando gli veniva fatta tale richiesta:

umore purtroppo quasi sempre nervoso e probabili acquirenti mandati in quel posto senza tanti complimenti!

Di chi sto parlando vuoi sapere?

Un nome che è già mito:

SOLDERA

Il suo Brunello riserva fino all’annata 2004 ha prezzi incredibili, con un occhio di riguardo speciale alla fantastica annata 2002.

Prezzi che oscillano tra gli 800 e i quasi 2000 euro.

La morte di Soldera avvenuta poco tempo fa non ha fatto che rinforzare e spingere ancora di più verso l’alto le quotazioni dei ”Brunelli” da lui prodotti.

Perché solo fino al 2004?

 

La scissione di Soldera lascia di stucco il mondo del vino pregiato…

Vedendo da fuori uno si potrebbe stupire:

l’intero mondo vuole il tuo Brunello di Montalcino prezzo alto o altissimo non importa.

Tu cosa fai?

Prendi ed esci dal Consorzio del Brunello di Montalcino, quindi niente più fascette DOCG stampate per il ”Bruno più famoso”.

Davvero incomprensibile questo gesto per molti, ma chi come Osenna Wine conosceva bene la persona dietro il nome Soldera, niente di strano, niente di particolare:

anzi a pensarci bene la cosa strana è che non è uscito dal consorzio vari anni prima!

Molti in quel periodo pensavano che Soldera aveva davvero osato troppo questa volta:

il prezzo del vino non più Brunello Soldera sarebbe crollato, difficile con un IGT spuntare prezzi alti, dicevano nei loro pettegolezzi vari montalcinesi, gli stessi che prima avevano parlato male Di Castello Banfi.

A questo punto visto che parliamo del prezzo Brunello al consumatore finale potrei pure lasciar perdere Soldera, ma due altre parole vanno dette:

ha continuato a vendere il suo vino ormai IGT a prezzi molto alti e senza nessuna bottiglia rimasta in magazzino invenduta!

 

Brunello di Montalcino Prezzo: il più costoso tra i vini recenti

Il Brunello “normale” cioè non Riserva ha prezzi più bassi, ma quando andiamo a vedere le vecchie annate qualcuno inizia a salire di molto, tipo:

Biondi Santi 1995 Brunello Di Montalcino

 

Le annate più vecchie sono simili a un terno al lotto, alcuni produttori valgono vicino allo zero, altri fanno il botto al rialzo.

Per il Brunello di Montalcino più costoso in annate recenti, ecco che il monopolio di Biondi Santi fattoria il Greppo comincia a vacillare:

vari produttori con ricerca costante e maniacale verso una produzione magari minore in quantità, ma al Top per qualità e bontà, vedew riflettersi questo nel prezzo del Brunello da loro prodotto.

Aziende come Casanova Di Neri che con le loro selezioni da vigne diverse hanno fatto saltare il banco più volte…

Casanova Di Neri “Cerretalto” Brunello Di Montalcino 2012

 

Per confronto vediamo il prezzo del Brunello standard di Biondi Santi.

Purtroppo non c’è la stessa annata, ma è presente una buona annata molto vicina, il 2010:

Biondi Santi Brunello Di Montalcino 2010

 

Un’ottima annata B.S. come è stata la 2010 se nella Riserva costa 580 euro come visto poco sopra, viene invece quasi doppiato nel prezzo dal Casanova di Neri per il Brunello standard:

2012 Casanova Neri a 275 euro e “solo” 150 euro per le bordolesi 2010 provenienti dal Greppo(Biondi Santi).

 

Brunello di Montalcino Prezzo: online è una Jungla

Stavo cercando delle info su di un’annata quando mi appare una pubblicità di un sito che vende Brunello a forte sconto, di media tra il 20 e il 30%.

Ora quali sono i ricarichi e il prezzo Brunello di Montalcino in base a quanto ne ordini e a come lo paghi, posso dire di conoscerlo molto bene.

Quindi se tu più o meno oscuro negozio online lo vendi al 30% di sconto ci sono solo due possibilità:

  • lo hai rubato.

  • hai gonfiato il prezzo prima artificialmente.

Vi è anche una terza possibilità che è comprare qualche lotto di vino in qualche fallimento, ma visto che il Brunello di Montalcino prezzo di cui sto parlando è di quelli pregiati di moda negli ultimi anni e con punteggi Parker altissimi compreso il 100/100 in qualche annata, non è questo il caso.

Il prezzo del Brunello di cui stiamo parlando era una sessantina di euro abbondante che barrato viene venduto allo straordinario, irripetibile prezzo di solo 48 euro.

Vado a vedere il Casanova di Neri Brunello di Montalcino prezzo annata 2014 che ho messo su cantinaosenna.com visto che è di questa bottiglia che stiamo parlando e vedo questo:

Casanova Di Neri Brunello Di Montalcino 2014

Senza bisogno di sceneggiate varie e prezzi barrati con sconti fasulli il prezzo di questo Brunello su CantinaOsenna.com è 40 euro, circa il 20% in meno del fantomatico sconto applicato da… peccato non posso fare il nome…

Mi preme sottolineare che non ci sono due prezzi nelle bottiglie vendute da Osenna Wine(altro nome di cantinaosenna.com).

Comprare da noi online o direttamente nella nostra sede in San Quirico d’Orcia il prezzo è identico:

alla fine sempre della stessa bottiglia si tratta!

 

Ecco risolto l’enigma del Brunello di Montalcino prezzo molto scontato:

sufficiente aumentare molto il prezzo reale e poi abbassarlo di un po’…

A dire la verità pensavo che questi trucchetti giochetti fossero finiti intorno al 2007 quando il popolo della rete ha iniziato ad aumentare e così hanno fatto i negozi online.

Ad esagerare il 2013 quando Google è uscito con il suo famoso aggiornamento che ha distrutto il 99% dei furbetti online:

non pensavo davvero che alle soglie del 2020 ci fosse ancora qualcuno che prova a fare di questi giochetti sporchi.

Forse non sa che seppur riesce a vendere qualche bottiglia, il danno d’immagine che gli fa quando il cliente se ne accorge è 100 volte superiore.

 

Prezzi Brunello di Montalcino: il vino con il miglior rapporto qualità prezzo

Circa 300 produttori registrati al Consorzio del Brunello di Montalcino fanno si che dire il migliore, indicare il Brunello con miglior rapporto qualità vs prezzo non è cosa facile.

Ma poi per quale annata può fregiarsi di questo titolo?

Un anno, 2 anni 10, o per sempre?

Può benissimo accadere che il vino di un’azienda si trovi a essere un anno il miglior Brunello al giusto prezzo, mentre l’anno dopo non ha neanche un briciolo di tali caratteristiche positive.

 

BdM: il Miglior rapporto qualità prezzo per le annate dopo il 2000 di Brunello.

Abbadia Ardenga il Poggio è ai primi posti per qualità offerta e costo(onesto) della bottiglia al consumatore finale.

Prova di questo è il loro dover “razionare” le bottiglie del pregiato vino, perché altrimenti quando partono le vendite natalizie, Abbadia Ardenga ha già finito il Brunello diversi mesi prima.

L’azienda con la sede situata nella frazione di Torrenieri ha terreni sparsi per il comune di Montalcino nelle zone adatte per le viti-vigneti, come ad esempio i terreni vicini al gruppo di case e la chiesa che da il nome all’intera azienda:

Abbadia Ardenga.

La splendida Cantina Museo dell’azienda è dove si può incontrare l’artefice di questo vino che anno dopo anno stupisce e sorprende l’olfatto, il gusto, il palato e infine la gola.

Lo stupore più grande, quello che nessuno prevede o sa riconoscere è l’onesto prezzo del Brunello di Montalcino di Abbadia Ardenga il Poggio.

 

Continua presto…

Ti parlerò di Valdicava, Uccelliera Paradiso di Manfredi, Cupano e tante altre etichette “più”…

Osenna Wine

 

FAQs

Frequently Asked Questions:

Quale è il Brunello di Montalcino con il prezzo più in alto in assoluto?

Biondi Santi Riserva è il Brunello di Montalcini con il prezzo più alto di tutti, sia per la produzione attuale che per quella passata anche di molto, tipo anni ’50, mentre per le bottiglie intorno al 2000 è Soldera l’azienda con il Brunello di Montalcino più costoso degli altri.

 

Qual è la bottiglia di Brunello di Montalcino più rara in assoluto?

Biondi Santi il Greppo anno 1888 è tra i vari Brunelli di Montalcino la più rara senza ombra di dubbio: solo 3 bottiglie rimaste.

 

Qual è l’azienda produttrice di Brunello di Montalcino con il miglior rapporto Qualità/Prezzo?

 L’azienda Abbadia Ardenga il Poggio è con buona probabilità il miglior Brunello di Montalcino a prezzi umani.

 

 

Note al testo:

Brunello di Montalcini Prezzi = In rete si trova spesso Il Brunello declinato al plurale:

Brunelli.

Non mi piace molto visto che è il nome del vino, ma lo posso sopportare e volendo pure usare qualche volta, quello che proprio non mi va giù è chi scrive Montalcini.

Credo che molti si ricordano vagamente la parola Montalcini, visto che la famosa scienziata studiosa con tale cognome è stata più volte celebrata anche su trasmissioni e TG molto popolari e in orari di punta.

Ecco quindi che dopo aver messo il Brunello al plurale gli sovviene alla mente dato che gli è familiare il lemma Montalcini e la frase incriminata è già qui:

Brunelli di Montalcini prezzi.

Montalcino è un paese, anzi una città anche se il numero di abitanti è ridicolmente basso per un posto che si definisce come città.

Essendo un luogo, un nome proprio di un posto è unico e non si può storpiare a piacimento:

Montalcino è e rimane, non può in nessun caso essere declinato al plurale!

 

BdM : non è altro che le iniziali del Brunello di Montalcino.

“B” di brunello, “di” come ‘di ‘di e infine “M” di Montalcino